Oggi care spose voglio parlarvi di un accessorio da non sottovalutare: le scarpe.

 

La scelta è davvero ampia e spesso non è facile decidere cosa indossare, perciò in questo articolo vorrei darvi qualche consiglio che, spero, possa esservi utile.

Innanzitutto, è da considerare il look che avete scelto quindi, capire cosa può essere giusto abbinare al vostro abito.

 

Non fate l’errore di acquistare prima le scarpe e poi l’abito!

Detto questo appena avrete scelto il vostro “Bridal dress” suggerisco di capire che tipo di scarpa abbinare, perciò in vista della prima prova abito potrebbe esservi d’aiuto chiedere un piccolo campione di stoffa del vostro vestito affinché le scarpe scelte possano riprendere il colore del tessuto dell’abito.

 

Per un “bridal dress” molto decorato e impreziosito da piccole pietre Swarovski, sarà il caso di optare per una scarpa semplice.

Un matrimonio formale con rito religioso richiede invece la scarpa chiusa, come il bon ton richiede.

 

Mentre in altri casi è possibile indossare una “open toe” o un sandalo.

Per un abito dallo stile sobrio si può osare anche per una scarpa gioiello.

 

Naturalmente, se il vostro matrimonio viene svolto con rito religioso in chiesa o più formalmente in una cattedrale, consiglierei di utilizzare due paia di scarpe, uno più sobrio e l’altro da indossare al ricevimento per dare un tocco di vivacità, senza rinunciare alla vostra personalità frizzante.

Sappiano bene che le scarpe devono essere comode altrimenti non riuscirete a tenerle per tutta la durata del matrmonio, consiglio quindi di tenere da parte anche un paio di scarpe adatte per il ricevimento ma anche che vi facciano sentire a vostro agio.

Per voi spose che volete dare un tocco di colore potete sbizzarrirvi nella scelta.

 

Perciò care spose scegliete con cura questo accessorio perché sarà un elemento essenziale per completare il vostro wedding look.

Ricordate le scarpe si vedono!

 

 

 

 

 

 

 

Per gli  abiti e gli accessori esposti si ringrazia l’Atelier “Aline sposa” di Poggibonsi.

 

 

 

 

 

 

Share: